142.000€ di debiti pagati in 30 giorni!

A meno di trenta giorni dalla sua nomina ad Assessore al Bilancio, Claudio Mario Grossi dispone lo sblocco di 142.000€ di debiti accumulati dal Comune a partire dall'anno 2010.

Si tratta del fondo previsto dall'articolo 73 della Legge Regionale 12/2005 destinato alla conservazione del patrimonio ecclesiastico. L’art. 73 pone l’obbligo ad ogni Comune di destinare annualmente l’8% delle somme riscosse per gli oneri d’urbanizzazione ad interventi di restauro e risanamento conservativo del patrimonio architettonico delle confessioni religiose presenti sul territorio. Obbliga altresì a corrispondere i contributi dopo 30 giorni dall'esecutività della deliberazione di approvazione del bilancio annuale di previsione.

Nonostante i ripetuti solleciti della Comunità Pastorale, le Amministrazioni Comunali precedenti avevano scelto dal 2010 di non erogare più gli importi dovuti, causando l’arresto dei lavori di conservazione e addirittura impedendone in alcuni casi l’avvio. Scelta questa, che oltre ad essere in contrasto con quanto previsto dalla Legge Regionale, ha anche penalizzato la valorizzazione di un patrimonio storico, artistico e culturale che rappresenta una ricchezza per il nostro territorio.

Il Movimento 5 Stelle ha più volte posto il problema, a livello nazionale e in alcune realtà locali, dei danni causati dai ritardi nel pagamento dei fornitori delle Pubbliche Amministrazioni. Il pagamento rapido dei propri debiti da parte di un ente pubblico è, oltre che un indicatore di efficienza, una questione di correttezza e un segnale preciso di attenzione verso la propria Comunità.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio