Vimercate e il patto di stabilità 2011-2015

Che cos'è innanzitutto il Patto di Stabilità? ll Patto di Stabilità è esteso agli enti locali, perché provvedano unitamente allo Stato a sanare il deficit pubblico nel rispetto degli accordi europei di Maastricht. Come funziona? Per semplificare: fino al 2015 compreso, si richiedeva ai Comuni di fare un po’ di “risparmio” tra entrate e uscite, con una serie di calcoli complessi (competenza mista), troppo lunghi qui da spiegare. Quindi, in realtà, il cosiddetto “pareggio di bilancio” nascondeva l’obbligo di “risparmiare”, tra entrate e uscite. Quanto risparmiare, era una percentuale contenuta nelle leggi di stabilità, anno per anno. Ovvio che un'amministrazione è tanto più brava quanto più è capace di NON sforare il patto ma, nel contempo, NON risparmiare più di quanto richiesto. Nel primo caso, il Comune veniva penalizzato, negli anni successivi, per non essere stato capace di rispettare il “risparmio” richiesto. Nell'altro caso, il Comune dimostrava di non sapere spendere per i cittadini tutto quanto avrebbe potuto (inefficienza amministrativa). Semplificando al massimo: se devo risparmiare 2 e risparmio proprio 2, sono bravo, se risparmio 1 sforo, se risparmio 3 sono inefficiente. A Vimercate cosa è successo nel quinquennio targato PD? A Vimercate per almeno gli ultimi cinque anni si è sistematicamente ecceduto in risparmio, con assessori (e intera Giunta) che evidentemente non hanno controllato i conti, e non hanno dato agli uffici le indicazioni necessarie per massimizzare l’efficienza amministrativa e gestionale del Comune.

Guarda il video per maggiori dettagli

Post in evidenza
Post recenti
Archivio