Bilancio di Previsione 2017/2019: Ecologia

Per il 2017 il bilancio delle uscite per l’Ecologia è sostanzialmente identico a quello dello scorso anno e si caratterizza su tre azioni basilari: razionalizzare le spese, migliorare i servizi attuali, cercare di inserire novità.


Partendo dalle novità, il PUMS - Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile - (25.000 €) costituisce sicuramente una sfida innovativa per l’intera città. La redazione del PUMS è, infatti, un’attività complessa che si fa carico di recepire molte istanze che vanno ben oltre la sfera locale. Il PUMS pone particolare enfasi sul coinvolgimento dei cittadini e di tutti i portatori d’interesse (commercianti, associazioni, imprese ecc) per quanto riguarda trasporti, urbanistica, ambiente, attività economiche, servizi sociali, salute, sicurezza, energia. Il PUMS si basa su una visione della nostra città di lungo periodo e su un approccio sostenibile in senso ampio, che soddisfi non solo la domanda di mobilità dei cittadini e delle imprese in ambito urbano e periurbano, ma miri anche al miglioramento della qualità della vita, a valorizzare i principi di integrazione, partecipazione, valutazione e monitoraggio.

Si pianificheranno insieme ai soggetti interessati azioni come: mantenere alta la qualità della vita e dell’ambiente per cittadini e imprese, limitare il traffico nelle aree più sensibili senza impedire gli spostamenti necessari, affrontare temi di più ampio respiro come la salute pubblica, i cambiamenti climatici, la dipendenza dal petrolio, l’inquinamento atmosferico e acustico; una sfida complessa, ma che riteniamo possibile e doverosa.

Al contempo si porteranno avanti azioni già intraprese:


La bonifica dell'area Brioschi, la discarica censita e inserita nel catasto regionale delle aree contaminate (20.000 €).


Il monitoraggio del PAES, cioè delle azioni intraprese nella lotta al cambiamento climatico (delibera adottata nel 2011- 20.000), (ridurre del 20% le proprie emissioni di CO2; aumentare del 20% il livello di efficienza energetica; aumentare del 20% la quota di utilizzo delle fonti rinnovabili), che la vecchia amministrazione aveva disatteso.


L’accelerazione del percorso verso i Rifiuti Zero.


Gli orti urbani/giardini condivisi non solo per i pensionati, ma con finalità sociali.

L’intensificazione della repressione dei reati ambientali tra cui: l’abbandono dei rifiuti (abbiamo sperimentato con successo l’utilizzo di telecamere mobili), delle deiezioni canine (parte ad aprile una campagna informativa che coinvolgerà l’intera città), dei mozziconi.


Per quanto concerne il percorso di sviluppo e valorizzazione del verde pubblico sono previsti interventi di riqualificazione dei parchi di Velasca (Via De Amicis) e in progettazione quelli per il Parco a Tutto Sport di Via Chiesa.


Possiamo senz'altro affermare che l’iniziativa dei Parchi a Rifiuti Zero ha reso i parchi ancora più fruibili grazie all'individuazione di un unico responsabile della manutenzione, ad una maggiore attenzione al patrimonio arboreo, al loro utilizzo come veicoli di messaggi comportamentali rispettosi dell’ambiente. Questa scelta ha portato anche a una riduzione delle uscite.

Sul fronte dell’innovazione si procederà nel processo già avviato di dematerializzazione degli atti amministrativi attraverso l’utilizzo di software specifici, che oltre a ridurre l’utilizzo della carta ottimizzano i tempi di elaborazione e l’invio di atti da parte degli uffici. A questo proposito ricordo il lancio della nuova applicazione per smartphone Municipium, che consentirà ai cittadini di fare segnalazioni in tempo reale, ma soprattutto di avere riscontro del grado di soluzione della criticità segnalata.

L’adesione all'anagrafe nazionale delle persone residenti.

Di grande importanza per l’area ecologia/ambiente sarà poter usufruire dello sportello di coordinamento per l’accesso a bandi regionali, nazionali ed europei, che in genere sono molto focalizzati e generosi proprio su temi ambientali.


In attesa di avere questo importante strumento operativo, per trovare le risorse del PUMS si è operato sulla riduzione delle spese, razionalizzando il servizio. La diminuzione delle uscite per il verde pubblico è spiegabile per esempio attraverso iniziative come quella dei Parchi Rifiuti Zero.


Sulle altre due voci prevalenti di questo Assessorato, che sono la gestione rifiuti (CEM) e il TPL (ZANI), che da sole fanno il 90% del budget, al momento non ci sono stati cambiamenti. Gli affidamenti sono in scadenza a fine 2017.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio