Bilancio di Previsione 2017/2019: Cultura e Sport


L’intero bilancio della CULTURA a Vimercate è stato finora assorbito da due-macro centri di spesa: la Biblioteca e il MUST. Due iniziative, che di certo non possono giustificare da sole l’intera spesa culturale della città. Vimercate non ha mai investito in altro, sia in termini di contenuti, men che meno di contenitori.

Dal punto di vista delle iniziative culturali e dell’intrattenimento, in prospettiva ci stiamo dunque impegnando per regalare ai cittadini spazi adeguati (in città serve un teatro); nel frattempo ci stiamo concentrando sui contenuti, essendo quella dell’offerta culturale una delle richieste avanzate con maggiore insistenza dai cittadini in campagna elettorale.

Il programma relativo al teatro è stato accuratamente progettato e studiato, in modo da renderlo una realtà strutturale propria della città e non casuale e frastagliata come nel passato, e che, senza disconoscere il valore e l’apprezzamento per l’esistente, punta a riqualificare dalle fondamenta l’offerta culturale cittadina con iniziative ad alto profilo di professionalità e di respiro sovralocale e nazionale. Non trascurabile è il fatto che la spesa messa a bilancio nel settore prevede un alto livello di compartecipazione economica da parte degli operatori privati coinvolti (in pratica per ogni euro speso dal Comune, almeno altrettanto sarà investito dalle compagnie interessate).

Vi sarà dunque una nutrita stagione teatrale (una lunga estate di spettacoli e un ricco cartellone a partire da ottobre), sarà fatta rivivere la Città dei Ragazzi, sarà riproposto il festival internazionale di teatro-circo “Vimercate Sottosopra”, che nella sua prima edizione del 2016 ha riscosso un grande successo.

Relativamente alla Biblioteca, al momento il nostro indirizzo è quello di investire maggiormente, più che sull'acquisto di libri, in attività promozionali e culturali che siano di stimolo alla lettura. Se poi in futuro emergeranno esigenze particolari si potrà procedere senz'altro a stanziamenti aggiuntivi.

Nell'ambito della produzione figurativa, a breve inizieranno ad operare i sei artisti selezionati con il bando “Residenze d’artista”, che troveranno all'interno del MUST spazi-atelier per le loro opere, le quali rimarranno come lascito alla città per arricchirla e impreziosirla.

Tutte queste iniziative, oltre ad innalzare il livello culturale della città e rivitalizzare il centro cittadino, potranno creare indotto ai commercianti.

Se con il teatro, la cultura e l’intrattenimento si è partiti dai contenuti, la situazione ereditata sullo SPORT ci vede in prima fila per sciogliere i nodi dei contenitori, ovvero di strutture sportive mai adeguate. Sul nodo-piscina gli uffici stanno raccogliendo gli elementi per predisporre il bando per l'assegnazione a un nuovo soggetto, le palestre stanno già vedendo importanti interventi di ammodernamento, così come sono state stanziate cifre importanti per interventi sui campi di calcio.

Sul piano dei contenuti, al momento le nostre scelte non si discostano da quelle del passato. La nostra attenzione nei confronti del settore è comunque molto elevata, tanto che abbiamo avviato un tavolo di ascolto delle associazioni sportive per raccogliere indicazioni e proposte sull'individuazione di progetti, anche con proposte in rete, per incentivare la pratica sportiva da parte della cittadinanza. Un altro tavolo è stato istituito con le medesime associazioni per avere suggerimenti sul regolamento per la concessione di contributi.

Se quindi investimenti importanti oggi sono già stati stanziati sui contenitori, per le attività cosiddette “storiche” abbiamo preferito affidarci all'esperienza pregressa, tenendo fermi i 20mila euro da sempre allocati su questo capitolo.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio