Pinocchiopoli, il PD vimercatese ci aggiunge lo scherno alla fede religiosa

Un membro del PD "di cui non facciamo il nome" scrive sui social con fare indignato che un membro del M5S "di cui non fa il nome" ospita sulla sua pagina un post con espressioni violente di un utente "di cui non fa il nome"...

L’unica cosa che il membro del PD "di cui non facciamo il nome" fa ESPLICITAMENTE è prendere in giro addirittura le credenze religiose di una persona che si limita a linkare un post. Il contenuto del post linkato? Un invito a tutti i ”cittadini consapevoli e pacifici” a protestare in una Roma blindata dal governo Gentiloni per evitare legittime proteste contro la nuova legge-truffa elettorale.

Quindi? Dov'è la frase incriminata? La frase incriminata dalla misteriosa esponente PD è in realtà… un commento al post linkato, ed è quindi "ospitato" sulla pagina di chi ha scritto il post! Il che non impedisce all’esponente del PD, "di cui proprio non osiamo fare il nome", ma che è stato ex assessore ed è tuttora membro di spicco del PD vimercatese, di dire che il messaggio è “ospitato sulla pagina” dell’esponente grillino.

Ci chiediamo quanto si continuerà con questo uso metodico della menzogna e dell'insulto (oggi anche a sfondo religioso) per screditare gli avversari politici: esposti, segnalazioni, bugie grandi e piccole. Un approccio vergognoso che davvero non capiamo come possa essere proprio di una forza politica che fino a ieri aveva responsabilità di governo.

P.S. Dopo la pubblicazione di questo articolo, il membro del PD "di cui non facciamo il nome" ha tenuto a precisare come "l'opinione di una iscritta può differire da quella di altri iscritti". Tenuto conto dei like del suo post, pare che in questo caso la cosa non sia avvenuta. Ma tant'è: la speranza è ultima a morire.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio