Bilancio consuntivo 2017: record di efficienza per il Comune di Vimercate

Lunedì si è celebrato il consiglio comunale in cui si è approvato il bilancio consuntivo 2017 del Comune di Vimercate: sotto la guida dell'assessore al bilancio Grossi, la sinergia creatasi tra Giunta, dirigenti e uffici ha prodotto un risultato record. Vediamo quale.



BILANCIO CONSUNTIVO COMUNE DI VIMERCATE - ANNO 2017

Abbiamo tutti appreso, in questi primi due anni di amministrazione, quanto sia strategico, quindi politicamente rilevante, il perseguimento dell’obiettivo di massima efficienza di gestione, che la legge, non le opinioni, definiscono in un modo molto chiaro: il pareggio di bilancio. La normativa ormai in vigore da moltissimi anni, ha accentuato ancora di più il dovere degli amministratori di porre la massima attenzione alla programmazione e al controllo della gestione delle risorse finanziarie. Infatti, il divieto di utilizzo degli avanzi di bilancio in anni successivi a quelli in cui si sono formati, se non per importi e per destinazioni di spesa stabilite anno per anno dal governo centrale, rende ancor più doveroso, politicamente, organizzare tutta l’amministrazione affinché non si generino avanzi– e tanto meno disavanzi, ovviamente – se non per importi minimali e fisiologici, rispetto al volume di entrate e spese gestite dal Comune.



Dall’illustrazione dell’assessore, è emerso con chiarezza che la Politica di efficiente governo delle risorse economiche della nostra città parte dalle scelte strategiche con cui si stimano le entrate. La nostra scelta, su questo fronte, è stata un pò diversa da quella tradizionalmente adottata, ed è stata una scelta mirata ad evitare che l’eccesso di prudenza, nella stima delle entrate, producesse avanzi proprio dal lato delle entrate. Dal lato opposto, quello di spesa, si è quindi adottato un sistema mensile di controllo dello stato di avanzamento degli impegni, condiviso tra dirigenti e assessori, che non è solo un sistema “tecnico” di controllo della gestione. Esso infatti è soprattutto un grande contributo al dialogo e alla collaborazione tra la parte politica e la parte amministrativa, che pone al centro dell’attenzione di tutti l’obiettivo della massima efficienza nella gestione della spesa, quindi dell’obiettivo di pareggio. Un anno di lavoro in questa direzione e con questi strumenti, ha già dato i suoi frutti, come ci hanno dimostrato i numeri veri, non quelli degli schemi contabili e incommentabili, ma quelli frutto dell’analisi che ci è stata illustrata e che si basa, per altro, su quanto da sempre contenuto nell’annuale Relazione della Giunta sul Rendiconto della Gestione. Numeri che testimoniano di un avanzo di gestione, alla gestione stessa, per l’anno 2017, di 717 mila euro, che è il miglior risultato ottenuto per lo meno rispetto agli anni confrontabili, dopo il passaggio ai nuovi principi contabili. Con l’ingresso a pieno regime di questo sistema di amministrazione e di questi principi fortemente condivisi tra Giunta e Amministrazione, siamo tutti impegnati a dare alla città, per il 2018, un risultato di efficienza e di efficacia ancora migliore.

La scelta di orientare fortemente tutta la struttura amministrativa a porre la massima attenzione al perseguimento del sostanziale pareggio di bilancio, è già politica: ne è la base culturale e gestionale, senza la quale le risorse economiche della città non sarebbero usate rispettando i principi di legge dell’efficienza e dell’efficacia, non solo dell’economicità, nell’uso delle risorse. Abbiamo visto che i buoni principi e la giusta chiave di lettura di come si gestiscono le nostre risorse economiche, devono poi essere supportati da metodi, tecniche, cioè da competenza gestionale, altrimenti restano parole. Abbiamo tutti capito che, ponendo il pareggio di bilancio al centro delle strategie di gestione dell’Ente, l’ultima manovra di assestamento di bilancio, prevista dalle norme entro fine novembre, diventa strategica. Altrettanto strategico è arrivarci con una elevata percentuale di spesa già impegnata. Nel novembre 2017, come abbiamo visto dalle slide, tale percentuale era già dell’84%; eppure, non è stato ancora sufficiente a far si che l’inefficienza di spesa corrente a fine anno fosse solo quella fisiologica e naturale, come ci è stato spiegato dall’Assessore, ma scontasse anche qualche piccolo errore di valutazione e di gestione dello stanziamento di spesa di novembre. Proprio questo, cioè proprio l’esperienza di questo primo anno di applicazione forte e attenta di principi, metodi e strumenti, ci fa essere ancor più soddisfatti per il risultato ottenuto, sotto gli occhi di tutti, e ancor più per il futuro. Il consolidarsi di questa politica di governo delle risorse economiche, di questo serrato dialogo e condivisione tra amministrazione e Giunta, potrà portare solo a costanti miglioramenti nell’uso efficiente del denaro di tutti i cittadini di Vimercate.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio