Accade in Consiglio il 30/11/2020: variazione di bilancio, piscina, casello autostradale e sanità



VARIAZIONE DI NOVEMBRE AL BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2020/2022


Le cifre salienti di questa ultima variazione al bilancio sono, per la parte corrente:


232.000 € di maggiori entrate tributarie, di cui 40.000 € di arretrati IMU. Il dato conferma l'attenzione di questa Amministrazione alla lotta all'evasione. Nel 2018 il dato accertato era di 749.000 di IMU arretrati, nel 2019 il dato accertato era di 685.000 € di IMU arretrati, quest'anno siamo a 600.000 di arretrati accertati, cui si aggiungono questi 40.000.


Il settore Cultura registra minori uscite di 10.300 per la riprogrammazione della stagione teatrale e 32.000 per il teatro circo sottosopra, che vengono rimandati alla prossima primavera.

16.000 € di minori entrate dovute alle chiusure del Must.


Istruzione: minori entrate 68.000€ per l’impossibilità di attivare i servizi di Pre e Post scuola. 123.000 € di minori uscite di cui 53.000 € contributi per frequenza asili nido, coperte dall'aumento di risorse erogate dal bonus INPS, 45.000€ minori previsioni per l'assistenza educativa.


Servizi alla Persona: 35.000 € minori uscite per minori inserimenti in comunità, 18.000 € minor numero di trasporti e 18.000 €per minori prestazioni di servizio. 48.000 € minore richiesta del servizio minori disabili.


Polizia Locale: 35.000 € di minori entrate di accertamento di infrazioni.


Impianti sportivi: 20.000 € maggiori uscite per manutenzione recinzione campo di calcio Via Principato, 20.000 € manutenzione impianto di riscaldamento palestra scuola Ungaretti, 20.000 € di minori entrate dovute alla chiusura di impianti sportivi causa Covid.


Sulla parte capitale:

Servizi alla Persona 50.000 € di maggiori uscite per l'acquisto di un automezzo per il trasporto disabili. L'acquisto del mezzo soddisfa la richiesta del progetto secondo classificato al bilancio partecipato dello scorso anno. Potrà essere utilizzato da associazioni di volontariato che prestano questo servizio e che proponendo il progetto al CittadiNoi 2019 ne hanno manifestato la necessità.


Ecologia e mobilità: 250.000€ di maggiori uscite per consentire la partecipazione del Comune alla progettazione di un collegamento del trasporto pubblico tra Cologno Monzese e Vimercate. Questa è una delle scelte politiche più importanti che caratterizza questa variazione. 28.000€ maggiori uscite per riqualificazione Piazza Marconi Lotto A.

Vengono ridotte di circa 11.000€ le spese legali a difesa del Comune reputando minore necessità rispetto ad eventuali contenziosi dell'Ente. Le variazioni vengono approvate col solo voto favorevole della maggioranza. I consiglieri di minoranza votano contro in quanto contrari alla politica di bilancio dell’Amministrazione che, a loro giudizio, non risponde alle esigenze e alle necessità della città. Mah....


REVOCA DELLA DICHIARAZIONE DI FATTIBILITA' E DI PUBBLICO INTERESSE DEL PROJECT FINANCING AI SENSI DELL'ART. 183 COMMA 15 DEL D. LGS. 50/16 E SS.MM.II. PER LA CONCESSIONE DELLA RIQUALIFICAZIONE DELLE AREE RELATIVE ALLA PISCINA COMUNALE DI VIMERCATE E GESTIONE APPROVATA CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 4

DEL 29 GENNAIO 2020


Con grande dispiacere la maggioranza propone al Consiglio Comunale la chiusura del procedimento progettuale relativo alla riqualificazione della piscina comunale. Il 29 gennaio 2020 il Consiglio Comunale aveva approvato la dichiarazione di pubblico interesse per la concessione e la gestione della piscina. Con quella delibera veniva confermato ed approvato il progetto del proponente Lombardia Nuoto che avrebbe fatto da base per il bando per l’assegnazione dei lavori di riqualificazione e la gestione del servizio. A fine febbraio l’Amministrazione era prossima alla pubblicazione del bando di gara, contemporaneamente l'esplosione della pandemia Covid ed i provvedimenti del governo hanno sancito la chiusura di tutte le attività all'interno di tutti i centri natatori. Nella situazione di emergenza che si è creata sono sorte delle perplessità sulla possibilità di trovare concorrenti qualificati a partecipare al bando, perplessità dovuta anche dall'incertezza legate alle misure di contenimento che venivano adottate a livello normativo.

In spirito di correttezza e trasparenza è stato chiesto un parere alla Federazione Italiana Nuoto sulla possibilità di una risposta adeguata da parte del mercato degli operatori ad una gara come quella proposta. Nella risposta, la Federazione reputava opportuno e fondato un rinvio della procedura al termine della fase emergenziale affinché gli operatori concorrenti potessero tener conto dei nuovi scenari normativi di riferimento. Nel frattempo, il proponente chiedeva una verifica legata alla sostenibilità finanziaria del progetto approvato e a fine luglio ha presentato una relazione sulle mutate condizioni di mercato chiedendo di poter modificare la proposta originale di progetto. L'Amministrazione si è resa disponibile al confronto a patto che le proposte di modifica fossero necessarie ed opportune senza snaturare la sostanza del progetto, garantendo i criteri e gli indirizzi della proposta originaria approvata a gennaio 2020 e proponendo di valutare misure quali un contributo straordinario, limitato nel tempo e finalizzato alla copertura delle spese conseguenti alla crisi sanitaria, oltre che un investimento proprio su parte della struttura, per alleggerire l’investimento da parte del concorrente.

Nel confronto il proponente giungeva alla conclusione che occorressero necessariamente modifiche importanti all'assetto economico finanziario del progetto ipotizzando un diverso profilo di intervento e prevedendo erogazioni da parte dell'Amministrazione Comunale in forma di contributi e canone di disponibilità.

Appariva chiaro che si trattava di modifiche al progetto non compatibili con il percorso approvato perché sarebbero venuti meno i criteri adottati nello svolgimento della procedura approvata il 29 gennaio 2020.

Concordando sulla situazione, il proponente ha quindi ritirato la proposta di progetto consentendo all’Amministrazione di giungere alla revoca del procedimento pendente.

Se da un lato occorre prendere atto di un contesto in cui le piscine di gran parte d'Italia sono chiuse, essendo tra le prime attività che vengono bloccate al presentarsi di una crescita dell'andamento dell'infezione, creando grande difficoltà alla possibilità di investimento da parte degli operatori, dall’altra questo passaggio ci consente di ricominciare a lavorare su questo fronte.

La delibera è stata approvata con i voti della maggioranza. La minoranza aveva votato contro a gennaio quando il progetto iniziava il suo percorso e vota contro la revoca del progetto.


ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL MOVIMENTO CINQUE STELLE (PROT 43426 DEL 20/11/2020) AVENTE OGGETTO: RIMOZIONE CASELLO AUTOSTRADALE DI AGRATE BRIANZA


La mozione chiede a Regione Lombardia la rimozione del casello di Agrate, eliminazione più volte promessa dall’attuale governo regionale durante la campagna elettorale e mai mantenuta.

Il pedaggio aumentato ulteriormente negli ultimi anni grava sulle tasche dei pendolari costretti ad attraversarlo anche due volte al giorno a meno che, per evitarlo, non decidano di percorrere la viabilità ordinaria tra Agrate e Carugate, congestionando il traffico delle strade secondarie ed aumentando il livello di inquinamento. Nel 2018 un gruppo di Sindaci ha manifestato contro quella che è diventata una vera ingiustizia ma, ad oggi, ancora nulla è cambiato.

Il punto viene approvato all'unanimità.


MOZIONE CONSILIARE PRESENTATA DALLA CAPOGRUPPO PD, VITTORIA GAUDIO

(PROT 43759 DEL 23/11/2020) AVENTE OGGETTO: SANITÀ TERRITORIALE IN MONZA E BRIANZA


La mozione sottolinea le criticità legate al sistema sanitario lombardo, emerse in modo drammatico durante la crisi sanitaria attuale, e chiede a Sindaco e Giunta di sostenere i temi contenuti nel documento nei confronti della cabina di regia che sta lavorando alla costituzione del nuovo assetto delle ASST.

La maggioranza chiede di inserire un emendamento col quale si insiste sulla necessità di coinvolgere nel percorso i rappresentanti degli enti locali che affrontano quotidianamente le difficoltà dei cittadini e quelle legate al coordinamento di tutti i soggetti attivi coinvolti.

La mozione viene approvata con i voti di tutti i consiglieri escluso il consigliere Biella che si astiene.


MOZIONE CONSILIARE PRESENTATA DAI CAPIGRUPPO CAGLIANI – NPV - E BIELLA - FI – (PROT 44566 DEL 26/11/2020) AVENTE OGGETTO: APERTURA USCA E EX OSPEDALE VIMERCATE


La mozione richiedeva di impegnare Sindaco e Giunta a farsi portavoce presso Regione Lombardia e ATS affinché venga istituito un presidio USCA a Vimercate in una struttura adeguata ed ingaggiando le figure professionali necessarie per il suo funzionamento. A questo proposito la mozione è stata oggetto di emendamenti in parte fatti pervenire al proponente prima del Consiglio Comunale e in parte proposti durante la seduta, tesi a promuovere che venga valutata la possibilità di destinare le vecchie medicine di via Cereda per le attività attuali e future per l'emergenza Covid, con un adeguato numero di posti letto ed un presidio per la medicina territoriale, in coerenza col Piano Integrato d'Intervento in corso di approvazione e che destina l’edificio delle vecchie medicine a servizi pubblici di interesse generale.

La mozione, con queste modifiche, viene approvata all'unanimità.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio