Consiglio Comunale del 25.10.2017: NUOVI SERVIZI E INVESTIMENTI PER 1 MILIONE DI EURO... E UN FUTUR

Nuova efficienza, nuovi investimenti

Approvazione della variazione al bilancio di previsione



Le variazioni di bilancio sono lo strumento contabile grazie al quale le amministrazioni collocano o ricollocano le risorse economiche del bilancio comunale. Dopo l'approvazione del bilancio previsionale approvato nel mese di marzo, l'Amministrazione Comunale ha impostato con gli uffici un lavoro contabile di controllo frequente e puntuale delle entrate e delle spese che effettivamente si verificano nel corso dell'anno. L’anno scorso, quando questo lavoro era appena iniziato, era emerso a fine novembre 1 milione di euro da spendere in fretta e furia prima della fine dell’anno. Quest’anno una riallocazione di una cifra analoga è stata portata in consiglio un mese prima, ma soprattutto è emersa all’evidenza degli uffici – grazie al grande lavoro di squadra tra l’assessore Grossi e gli uffici – già a settembre, con il risultato che questa spesa è stata governata in maniera progettuale e non emergenziale (la burocrazia ha tempi lunghi e ogni delibera deve seguire un iter quasi mai immediato) evitando il rischio di produrre un avanzo non più utilizzabile, con grave danno per la cittadinanza che si vedrebbe privata di servizi e beni di grande utilità sociale.

La manovra presentata nel cc del 24 ottobre muove circa 1 milione di euro, di cui 305 mila euro da recupero di tasse non pagate. Come verranno impiegate queste risorse? 590.000 per spese di parte corrente: grande attenzione, in particolare, viene data sempre alla manutenzione ordinaria (#Vimercateunpassoallavolta), compresa quella scolastica, e all’illuminazione pubblica. Altri 419.000 euro saranno invece investiti nelle manutenzioni straordinarie grazie a interventi programmati ad hoc dagli uffici proprio grazie al maggior tempo a disposizione di cui si diceva: manutenzione straordinaria scuole, interventi sulle aree verdi, rimozione dell’amianto dagli spogliatoi del centro sportivo e, dulcis in fundo, interventi sul palazzo comunale. Confidiamo che installare l’aria condizionata nell’aula consiliare porterà molti più cittadini la prossima estate ad assistere ai consigli comunali.

Il provvedimento è stato approvato coi soli voti della maggioranza.


Déjà-vu: i rilievi delle opposizioni si sono concentrati in particolare sulla spesa, considerata eccessiva, per l’evento di teatro-circo di dicembre; in realtà si spendono circa 4.000 euro in meno e in ogni caso la cifra è ampiamente giustificata sia dall’ alto gradimento riscontrato tra la cittadinanza lo scorso anno che dalla positiva ricaduta che eventi come questo producono nella rivitalizzazione del centro storico di Vimercate.

La prossima e ultima variazione di bilancio, possibile nel 2017, sarà effettuata entro il 30 novembre sempre in consiglio comunale.


PUMS, un passo epocale per Vimercate

Avvio dei procedimenti partecipati PUMS e VAS



Il PUMS (Piano Urbano della Mobilità sostenibile) è una strategia che orienta la mobilità offrendo ai cittadini gli strumenti per costruire le condizioni per uno stile di vita più sostenibile e a misura d’uomo, cercando di rispettare l'ambiente e tutelare la salute. Vogliamo trasformare Vimercate in una città che ponga al centro le esigenze dell’uomo, e non dell’automobile. Questo procedimento avrebbe potuto essere avviato con una delibera di giunta ma abbiamo preferito il passaggio in consiglio comunale dopo una commissione territorio nella quale è stato condiviso e illustrato il percorso. Il procedimento, infatti, vuole essere partecipativo al massimo grado, a partire dal momento del suo avvio. L’invito ai cittadini a partecipare è massimo: dalle decisioni prese direttamente dai cittadini ai tavoli di lavoro passerà il loro benessere di domani.

Lasciamo a chi si dice imbarazzato dalla possibilità finalmente data ai cittadini di partecipare, o a chi ci dà degli anarchici travestiti da democratici (e dunque si astiene in fase di votazione), il peso di tali affermazioni. Ci interessa molto di più rassicurare i cittadini: come ha ben chiarito l’ assessore Bertinelli, il processo partecipativo da noi pensato, ben lungi dall’ essere frutto di improvvisazione ed eccessiva audacia, sarà da noi saldamente governato attraverso una serie di step e di monitoraggi assolutamente ponderati e sperimentati. Nulla di tutto questo può essere pensato da “bestie”, a dispetto di ciò che direbbe qualcuno.


Benvenuto al nuovo segretario comunale Pietro San Martino

Approvazione convenzione in forma associata per i diritti di segreteria



Dopo che il comune di Ornago ha recesso unilateralmente dalla convenzione di segreteria con Vimercate il consiglio comunale ha approvato con i soli voti della maggioranza una nuova convenzione fra il comune di Vimercate e il comune di Sedriano relativa alla gestione del servizio di segreteria. Questo ci permette di condividere il segretario comunale con un altro comune condividendo i costi. Il comune di Sedriano è un comune a 5 stelle lombardo e questo ci permetterà di migliorare l'efficienza grazie ad alcune iniziative comuni che potremo sviluppare. La convenzione prevede che il nostro nuovo segretario comunale svolga il proprio servizio nei due comuni: 3 giorni a Vimercate, 2 giorni a Sedriano.

Assolutamente infondati i timori delle opposizioni di un deficit di efficienza e di un aggravio di spesa per Vimercate a causa della distanza tra i due comuni: il nuovo segretario infatti, salvo casi eccezionali, non passerà affatto "tutto il suo tempo in auto" nel trasferimento da un comune all’ altro, proprio perché i giorni di presenza nelle due sedi sono prestabiliti con precisione nella convenzione (non è superfluo ricordare alle Opposizioni che i due precedenti segretari provenivano rispettivamente da Lecco e da Bergamo…).

Il provvedimento – neppure a dirlo – passa con i soli voti della maggioranza.

Recupero scantinati? Se proprio si deve…

Approvazione dell’esclusione di parti di territorio comunale dall'applicazione della legge regionale N. 7 del 10 marzo 2017



La legge regionale n. 7 del 10 marzo 2017 prevede la possibilità di recuperare vani e scantinati a uso abitazione o commerciale. I comuni possono definire, entro il 31 ottobre 2017, le aree in cui questa possibilità è esclusa per rischi idrogeologici o idraulici.

Il Movimento 5 Stelle in consiglio ha sottolineato come lo spirito della legge regionale non sia del tutto condiviso, in quanto consente recuperi di locali nati senza le caratteristiche adeguate per la destinazione che ne viene concessa, pur intuendo che tra le motivazioni ci possa essere quella di aumentare le dotazioni di residenza e commerciale senza dover ricorrere a nuove edificazioni. Tuttavia non far nulla entro il termine perentorio concesso avrebbe semplicemente reso applicabile questa nuova possibilità ovunque.

Ecco perciò che il consiglio comunale ha approvato con voto unanime (stappo di champagne!) la definizione delle zone escluse e in particolare:

- parte della frazione di Oreno a causa di una falda sotterranea

- la zona sud di Vimercate a causa della permeabilità del suolo

- le zone limitrofe al torrente Molgora per il rischio esondazione

- … e buona parte della frazione di Ruginello per le alluvioni dovute alla difficoltà di captazione delle acque metereologiche che arrivano dai terreni circostanti. Quest'ultima esclusione, pur non essendo dettagliatamente definita nella relazione idrogeologica, è stata approvata (anche su sollecitazione di NpV) sulla scorta del principio di precauzione e sulla base di evidenze empiriche di rischio concreto di allagamento per la zona.

Licenziamenti Nokia: Sindaco à la guerre… e il governo?

Approvazione dell’OdG del PD sui licenziamenti Nokia



L’impegno dell’amministrazione M5S di Vimercate, sindaco in testa, sulla vertenza Nokia si protrae ormai da tempo e ha coinvolto anche i rappresentanti parlamentari M5S. Sul punto il PD ha comunque presentato un OdG per rinnovare l’impegno di sindaco a giunta su questo drammatico problema che vede (ancora una volta sul nostro territorio e non solo) centinaia di lavoratori a rischio di perdere il proprio lavoro. Ovviamente il M5S non ha avuto problemi a sottolineare nuovamente il proprio impegno anche aderendo alla sollecitazione del Partito Democratico. Per contro, appellandosi al valore della coerenza politica, ha invitato i consiglieri del PD a fare pressione presso i loro ministri e parlamentari che da tempo sono al governo (benché sia un governo che di recente ha varato il Jobs Act e ha abolito l’articolo 18, ovvero ha indubbiamente indebolito le garanzie dei lavoratori) affinché intervengano sulla dolente questione in esame; ministri e parlamentari che di certo hanno a disposizione strumenti di azione ben più potenti rispetto a quelli di un sindaco.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio